Recensioni

Niccolò Giani, attualità di un inattuale

Le radici della destra vivente

Diffamata dalla storiografia comunista, infoibata dai catto-dossettiani di Bologna e fraintesa dalla scolastica neodestra, la cultura del Novecento italiano contiene, tuttavia, le idee necessarie alla rinascente vita di una destra emancipata dalle chimere centriste e confusioniste di Fini, Granata & Dallavedova. L’interesse destato in ambienti della giovane destra dalla figura e dall’opera di Niccolò Giani, eroico protagonista della fascinosa stagione intitolata alla mistica fascista, manifesta la vitalità di una cultura orgogliosamente refrattaria alla ibridazione con le ideologie della tramontante modernità. Leggi l’articolo completo →

—————————————————

Gli Dei e il sangue degli Eroi

tratto da Rinascita del 09/03/2011

Gent.mo Direttore,
Seppur chiamato in causa solo indirettamente, mi si consenta di contribuire al dibattito, replicando al Signor Leone ed alle sue interessanti precisazioni contenute nella lettera aperta pubblicata da “Rinascita” lo scorso 25 gennaio col titolo “A proposito di Mistica Fascista e Risorgimento”, a seguito delle due recensioni del libro “Mistica della Rivoluzione Fascista” (Il Cinabro), fatte dal sottoscritto e da Davide D’Amario solo qualche giorno prima. Non per volontà di polemica, tutt’altro, ma per meglio integrare le intuizioni di Leone – molto ben circostanziate – sul delicato tema “Risorgimento-Mistica Fascista”, le cui implicazioni sono tutt’altro che scontate. Leggi l’articolo completo →

—————————————————

Per una destra emancipata dai luoghi comuni

recensione a “Mistica della Rivoluzione Fascista”, Il Cinabro, 2010

di P. Vassallo

Diffamata dalla storiografia comunista, infoibata dai catto-dossettiani di Bologna e fraintesa dalla scolastica neodestra, la cultura del Novecento italiano contiene, tuttavia, le idee necessarie alla rinascente vita di una destra emancipata dalle chimere centriste e confusioniste di Fini, Granata & Dallavedova. L’interesse destato in ambienti della giovane destra dalla figura e dall’opera di Niccolò Giani, eroico protagonista della fascinosa stagione intitolata alla mistica fascista, manifesta la vitalità di una cultura orgogliosamente refrattaria alla ibridazione con le ideologie della tramontante modernità. Leggi l’articolo completo →

—————————————————

Recensione su NoReporter.org

di Gabriele Adinolfi

Una raccolta imperdibile degli scritti di Giani ad opera di Raido La scuola di Mistica Fascista negli scritti di uno dei suoi principali animatori, Niccolò Giani.
Per lui, giustamente, ogni credo politico corrisponde ad una mistica. Quella liberale è individualista, egocentrica e dissolutoria dell’idea di Stato; la democratica è utilitaristica, meccanicistica, anti-spirituale; la comunista, partita dall’uguaglianza, arriva all’uomo standard che lavora, mangia, beve, dorme, non pensa. Leggi l’articolo completo →

—————————————————

Aldo Grandi – Il gerarca del sorriso

Finalmente il cerchio è chiuso. Con questo pregevole libro, infatti, si può dire tracciato il perimetro intorno alla Scuola di Mistica Fascista, ovvero attorno ai suoi tre più grandi e significativi rappresentanti: Berto Ricci, Niccolò Giani e Guido Pallotta.
Mancava, infatti, nell’intricata e quanto mai interessante ricostruzione del mosaico della Scuola, un tassello prezioso, irrinunciabile: quello di Pallotta, appunto. Perché, se rispetto a Ricci si sa praticamente tutto, anche grazie al bel libro di Buchignani Un fascismo impossibile (Il Mulino, 1994), e alla diffusione dei suoi scritti (vedasi Lo scrittore italiano o l’Universale stampato dalle «Edizioni del Borghese» nel lontano 1969), di Niccolò Giani si sa già molto meno.
È soltanto da qualche anno che, a partire dal «pioneristico» libro Gli eroi di Mussolini di Aldo Grandi (Bur, 2004) e, molto più recentemente con la prima, ed unica, raccolta antologica dei suoi scritti, Mistica della Rivoluzione Fascista (Il Cinabro, 2010), il pensiero, la vita e l’opera di Giani è stata restituita al posto
che gli spetta. Ma di Pallotta, il «gerarca con il sorriso», fino ad oggi, in questo modo, non aveva parlato proprio nessuno. Se ne era discusso, indagando l’interessante mondo del fascismo universitario, quello dei Guf per intenderci, col libro di Simone Duranti Lo spirito gregario (Donzelli, 2008): ma, mai concentrandosi sul Pallotta uomo, ovvero come politico e come combattente. Leggi l’articolo completo →

—————————————————

Recensione di Mistica della Rivoluzione Fascista ad opera di Rutilio Sermonti

Un altro prezioso libro dell’editore siciliano “Il Cinabro”
NICCOLO’ GIANI – MISTICA DELLA RIVOLUZIONE FASCISTA

E’ un’opera singolare, che pone al recensore non pochi problemi. Intanto, il titolo di copertina è del tutto convenzionale. In realtà l’eroe Niccolò Giani è colui a cui il libro è dedicato, non ne è se non in parte l’autore. Molto esattamante il Centro Studi Raido, di Roma, nella sua breve premessa, conclude: “un’antologia di scritti, quindi, che non vuole ricordare Niccolò Giani in nome di sterli e inutili nostalgismi, ma perchè, dinanzi a un mondo crepuscolare privo di una qualsiasi tensione eroica e spirituale, la sua visione del mondo e, soprattutto, il suo stile di vita sono folgore che irrompe nella notte, illuminando vie che conducono a stadi superiori dello spirito”. Leggi l’articolo completo →

—————————————————

A proposito di “Mistica Fascista” e Risorgimento

tratto da Rinascita del 25/01/2011

Caro Direttore,

Ho letto veramente con molto piacere le due recensioni di Strummiello e D’Amario dedicate al libro Mistica della Rivoluzione Fascista di Niccolò Giani, edito da Il Cinabro, apparse sul numero di Giovedi 20 Gennaio. Il libro, che ho letto con molto piacere, è sicuramente meritorio, ed una vera rarità se constatiamo l’assoluto appiattimento culturale su cui, da anni, vegeta l’ambiente della cosiddetta “destra” (utilizzo questo termine solo per comodità, mi capisca…).  Leggi l’articolo completo →

—————————————————

Mistica della Rivoluzione Fascista – da Il Borghese di Febbraio 2011

di Mario Bernardi Guardi

Berto Ricci, Niccolò Giani, Guido Pallotta: tre fascisti duri, puri e coerenti di fronte ai quali anche il più coriaceo degli antifascisti, se è una persona perbene e in buona fede, non può non profondersi in esercizi di ammirazione. Tre fascisti che Indro Montanelli, pur facendo le bucce ai suoi ruggenti anni in camicia nera, ricordava con commozione, rimpiangendo di non essere stato accanto a loro, nel momento della «bella morte». Sì, l’irriverente Montanelli – si legga il suo «Proibito ai minori di quarant’anni» pubblicato sul Borghese nel febbraio del 1955, con lo pseudonimo di Antonio Siberia – guardava con una sorta di turbata «invidia», di complice «nostalgia», al loro sacrificio di morti in battaglia, da uomini di penna e di spada, volontari in Africa, in nome della Patria e dell’Idea. Eroi, senza se e senza ma, insomma: e nessuno andasse a dirgli che, così rievocando, rischiava di costeggiare la retorica, perché si sarebbe arrabbiato di brutto. Leggi l’articolo completo →

—————————————————

I Mistici della Rivoluzione Fascista: i veri eredi del Risorgimento – Recensione su Rinascita I

di Davide D’Amario

Il “Cinabro” ha dato alle stampe “Mistica della Rivoluzione Fascista” un antologia di Niccolò Giani, raccoglie per la prima volta scritti che vanno dal 1932 al 1941. Per spiegare chi era Giani e cosa proponeva l’apostolato “pagano” della Scuola di Mistica Fascista, vi son due saggi introduttivi di Luca Leonello Rimbotti e Maurizio Rossi. Un libro che parla del fascismo intransigente e con venature universali. Un testo non nostalgico, non retorico, un libro storico, a partire dalle parole commemorative di Fernando Mezzasomma. Proporlo ai lettori di Rinascita e all’attenzione dei fratelli di lotta di SN non è azzardato, pone semplicemente una domanda: Giani e i mistici che moriranno volontari nelle fasi iniziali della seconda guerra mondiale o come Mezzasomma nella temperia volontaristica e “fanatica” della RSI, possono essere riscoperti come rappresentanti genuini dell’italianità e del ribellismo? Io credo di sì! Leggi l’articolo completo →

—————————————————

Niccolò Giani: quell’illustre sconosciuto che inventò la “mistica fascista” – Recensione su Rinascita II

di Andrea niccolò Strummiello

Si torna a parlare di Niccolò Giani, che fu tra i massimi esponenti della corrente più radicale, oltranzista e universale del Fascismo: la Scuola di Mistica Fascista. Di prossima uscita un’antologia dei suoi scritti più significativi, fin’ora mai ripubblicati, che illustrano il pensiero e le idee di quei giovani nati e cresciuti all’ombra del pensiero mussoliniano. Quando si parla di “fascismo”, tutto sembra esser stato già detto. Ed effettivamente, guardando la sterminata, numericamente incalcolabile, bibliografia sul tema, è ciò che si sarebbe portati a pensare. Il fascismo lo si è indagato sotto ogni punta di vista – sociale, psicologico, economico, culturale – e lo si è analizzato in tutte le sue sfaccettature: di sinistra e conservatore, monarchico e repubblicano, anticlericale e filo-papale… Insomma del fascismo è stato detto tutto: ma è veramente così? Leggi l’articolo completo →

—————————————————

Gli apostoli della Rivoluzione, di Eugenio Kern

Fonte: Area, gennaio 2011

Esiste un capitolo della storia italiana e, più in particolare, di quella del ventennio fascista, poco conosciuto, ma che negli ultimi anni sta interessando un pubblico sempre maggiore e trasversale tra storici e semplici curiosi: parliamo della Scuola di Mistica fascista. Fondata in seno al mondo universitario milanese, avente come padre spirituale Arnaldo Mussolini, la Scuola si pose l’obiettivo di formare i giovani secondo l’ottica rivoluzionaria del fascismo, ricalcando lo spirito rivoluzionario dei primi fascisti e portando avanti una lotta interna contro chi vedeva nel regime un ponte per fare carriera, utile ai fini personali. Leggi l’articolo completo →

—————————————————

Intramontabile mistica fascista, di Mario Bernardi Guardi

Fonte: Linea, 17 dicembre 2010:

(http://www.lineaquotidiano.net/node/16476)

Dio benedica gli illusi che restano fedeli alla propria giovinezza.

Dio guardi con indulgenza ai delusi, diventati infedeli, e poi scettici, che, ripensando a “quella” giovinezza, provano struggente nostalgia e si chiedono se non sarebbe stato preferibile continuare a credere, obbedire e combattere fino in fondo in nome di “quegli” entusiasmi e di “quelle” generose ebbrezze. Leggi l’articolo completo →

—————————————————

Mistica della rivoluzione fascista [recensione], di Andrea Niccolò Strummiello

Fonte: Il Borghese, dicembre 2010

Il suo nome ai più non dirà molto. Ma Niccolò Giani fu uno dei più importanti, radicali e oltranzisti esponenti del Fascismo rivoluzionario. Fu, infatti, tra i fondatori, nonché uno dei massimi rappresentanti, della Scuola di Mistica Fascista (SMF). Vissuto il suo ideale fino all’ultimo respiro, morì combattendo sul fronte greco nel 1941, ricevendo, per l’esempio offerto, la medaglia d’oro al valore. Tutto questo, mentre molti “fascisti” – le virgolette sono d’obbligo – s’imboscavano in patria, nascondendosi dietro la retorica di vuoti slogan e sterili parole d’ordine. Quegli stessi che, dopo il 1945, seppero bene in che direzione riciclarsi. Leggi l’articolo completo →

—————————————————

Esce in libreria “Mistica della Rivoluzione Fascista”Mistica della Rivoluzione fascista [Recensione], di Andrea Niccolò Strummiello

Fonte: officinafutura.org

(http://www.officinafutura.org/it,,,)

Si torna a parlare di Niccolò Giani, che fu tra i massimi esponenti della corrente più radicale, oltranzista e universale del Fascismo: la Scuola di Mistica Fascista. Di recente pubblicazione un’antologia dei suoi scritti più significativi, finora mai ripubblicati, che illustrano il pensiero e le idee di quei giovani nati e cresciuti all’ombra del pensiero mussoliniano. Leggi l’articolo completo →

—————————————————

Brevi su Fascismo e Mistica della Rivoluzione Fascita

Fonte: Minas Tirith

(Minas Tirith)

Abbiamo più volte fatto cenno circa la nostra visione del fascismo, visione che impersonalmente rientra in un quella più ampia della Tradizionale. Così non sarà una ripetizione se pure sarà un giorno da noi approfondita, magari proprio su queste pagine l‟affermare che il fascismo, visto secondo i principi della Tradizione, secondo la prospettiva di un Evola, di un Guenon o di un De Giorgio, non è e non può essere considerato un fenomeno completo, da accettare o rifiutare in blocco. Leggi l’articolo completo →

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...